Cultura

L’Alto Adige dai mille volti

In Alto Adige potrete ammirare una varietà incredibile di paesaggi capaci di fondersi armoniosamente in una specialissima unità. Assaporate le tradizioni popolari del Törggelen e della raccolta delle mele. Ascoltate le antiche leggende che raccontano i castelli, le antiche cappelle e i nostri musei. Una vacanza a Naturno significa vivere nuove esperienze, ammirare bellezze uniche, vedere “altro” ed ampliare i propri orizzonti.

Chiesetta St. Prokulus
In mezzo alle distese di meli, all’entrata di Naturno, si trova un po’ nascosta la chiesetta di St. Prokulus. Pur passando dall’esterno quasi inosservata, la chiesetta conserva nel suo interno gli affreschi più antichi mai rinvenuti in territorio tedesco. Venne costruita in onore di St. Prokulus, Vescovo di Verona e più tardi venerato come Patrono del bestiame e dell’acqua.

Castel Juval
Castel Juval a Naturno, vicino Merano, fu costruito nel 1278 da Hugo de Montalban. Dopo frequenti cambi di proprietà e una prima ristrutturazione, il castello appartiene dal 1983 a Reinhold Messner. Dopo essere stato sottoposto ad un completo e radicale risanamento, oggi Castel Juval oltre ad essere la residenza estiva del famoso alpinista, è anche uno dei 6 famosi Musei della Montagna realizzati da Messner.

Mercato della ceramica artistica a Naturno
Il mercato della ceramica artistica è un vero “insider tipp”. Artisti più meno conosciuti provenienti da tutta Europa, si danno appuntamento nei dintorni di Merano ogni due anni per presentare al pubblico i loro preziosi lavori in ceramica. Il prossimo appuntamento per il mercato della ceramica di Naturno è fissato dal 2.06 al 04.06 2017.

Il Museo delle macchine da scrivere
Uno dei traguardi più ambiti raggiunto prima fu la rivoluzionaria invenzione della prima macchina da scrivere nel 1874. L’idea venne sviluppata e perfezionata dal pioniere Peter Mitterhofer nativo di Partschins, vicino a Naturno. Con circa 2000 esemplari questo particolarissimo Museo ci racconta in modo molto incisivo la storia avvincente della macchina da scrivere e il suo impatto nel mondo della comunicazione.

Abbazia Marienberg
L’abbazia Marienberg si trova nel Comune di Mals a 1340 m., subito sopra il paesino di Burgeis. L’Abbazia sorse nel dodicesimo secolo per donazione dei nobili di Tarasp e ha rappresentato per secoli il maggiore centro culturale e intellettuale dell´Alta Val Venosta. Da più di 850 nell’Abbazia vivono e operano i monaci fedeli alle regole di San Benedetto da Norcia.

Ghiacciaio Val Senales
Come si presenta nella realtà un ghiacciaio alpino? Com’è la natura a 3000m di altitudine? Le Funivie e Ghiacciai Val Senales Vi portano in soli 6 minuti dalla stazione a valle di Kurzras in Val Senales alla stazione a monte più alta dell’Alto Adige, a m. 3212 di altitudine sul livello del mare.

I larici secolari della Val D’Ultimo
A ST. Gertrude in Val d´Ultimo, ai margini di una foresta protetta, potrete ammirare un vero monumento naturale: tre larici secolari. Con un’età stimata di 850 anni questi si annoverano tra le conifere più antiche d’Europa. Segnati dal vento e dalle tempeste, i larici si ergono verso il cielo con un’altezza di 35m e con tronchi dal diametro fino a 8m.

Parco nazionale dello Stelvio
Nelle immediate vicinanze di Naturno si trova il Parco Naturale più grande d’Italia, con un’estensione complessiva di 130.000 ha. Il Parco, praticamente incontaminato, costituisce un rifugio sicuro per rare specie animali e ospita una flora di particolare interesse.

Cinema natura “Knottnkino”
Nel 2000, sullo sperone roccioso denominato “Rosteinkogel”, direttamente sopra Merano, è stato allestito dall’artista Bolzanino Franz Messner il più grande cinema italiano all’aperto, direttamente proiettato dalla natura. Questo è dotato di 30 posti a sedere in acciaio e legno di castagno e invita gli escursionisti a sedersi per ammirare da un punto panoramico d’eccezione una vista mozzafiato sull’intera val d’Adige.

Il museo della donna Museia
Il Museo della Donna venne fondato e allestito nel 1988 da Evelyn Ortner (1944-1997). Numerosi capi di abbigliamento, accessori e oggetti di uso comune descrivono il ruolo della donna negli ultimi 200 anni.

Contatti

Vorreste vivere una
nuova esperienza?
Contattateci!